Cosa accade alle aziende se va in porto l’accordo Juncker-Trump

Ai cittadini americani le auto europee piacciono molto e forse le comprerebbero anche a prezzi maggiori rispetto a quelli attuali, quindi aumentare le tasse sulle auto importate dall’Europa avrebbe conseguenze negative anche per le fabbriche americane dei marchi europei. Secondo alcuni dati forniti dalla Commissione Europea, ogni anno le case automobilistiche europee producono negli Stati Uniti ben 2,9 milioni di auto, e danno lavoro a 120.000 operai. «Se il prezzo di un’auto aumenta improvvisamente del 20 per cento, ci saranno ripercussioni sulle vendite», ha spiegato a CNN Money Rebecca Cox, analista per la società di consulenza Cox Automotive: «significa che saranno disponibili meno soldi da investire nelle fabbriche americane, oltre che in quelle europee».

BMW, nota casa automobilistica tedesca, detiene la più grande fabbrica di auto in South Carolina negli Stati Uniti d’America. Produce ogni anno circa 371.000 automobili.

Trump ha invitato le case automobilistiche europee a produrre più auto negli USA, quindi in un certo senso fare proprio come già fa BMW. La casa tedesca si è schierata contro la tassa del 20% sulle importazioni di auto e quindi un punto a favore per l’Europa.

Donald Trump e le tasse del 20% sulle importazioni di auto europee
Donald Trump e le tasse del 20% sulle importazioni di auto europee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.