Ancora spari contro gli stranieri

L’ultimo caso è di ieri, dove a Cassola, vicino a Vicenza, un operaio di origine capoverdiana è stato colpito alla schiena da uno sparo.

Gli inquirenti hanno poi trovato il punto da cui veniva lo sparo, cioè un terrazzo di fronte a dove si trovava l’operaio; in seguito ad una perquisizione sono state poi rinvenute munizioni in piombo e una carabina da cui è partito il colpo.

In seguito allo sparo l’operaio ha sentito un fortissimo dolore alla schiena ed è stato portato all’Ospedale San Bassiano. Al momento dello sparo si trovava su una pedana mobile a 7 metri di altezza, quindi fortunatamente sono state scongiurate conseguenze ben più gravi che potevano derivare da una caduta.

Lo sparatore è stato denunciato per lesioni personali aggravate ed esplosioni pericolose; la sua difesa è stata il voler sparare a un piccione.

Un fatto non isolato, di pochi giorni fa l’episodio del ferimento di una piccola Rom, ora in condizioni critiche, che aveva suscitato rabbia e sdegno persino dal Capo dello Stato Mattarella.
Nell’ultimo mese e mezzo sono 7 i casi di immigrati colpiti con armi ad aria compressa.

Stranamente però questi casi non fanno scalpore come altri…

Vicenza, ancora spari in città
Vicenza, ancora spari in città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.